La legge dell'attrazione

 E’ l’arte di far accadere le cose che desideriamo intensamente. L’arte della magia orientata al bene. Gesù , secondo alcuni studiosi, è il maestro della legge dell’attrazione, prima di lui gli Esseni e i Venusiani. La preghiera stimola la legge dell’attrazione. Le azioni e le parole sono atti magici come i pensieri e le convinzioni, che hanno il potere di forgiare la nostra realtà.

Ivanov sostiene che “ogni pensiero e azione determina un atto magico”. “Ciascuno ha la responsabilità, non solo centrata sulle azioni, ma anche sui pensieri e sulle intuizioni. Pensare come già accaduta la cosa che desideriamo: questa è la concretizzazione della legge dell’attrazione. Così come pregare con l’atteggiamento di gratitudine pensando alla cosa richiesta come se fosse già compiuta. La legge dell’attrazione risponde alla mente conscia e inconscia. L’inconscia contiene le paure, che vanno riconosciute e neutralizzate. Guarisce la gente che celebra la vita come un’opera d’arte. La mente inconscia ha un potere vincolante/limitante. Non funziona fare buon viso e cattivo gioco. Io sono quello che ho nel cuore. L’uomo non attrae ciò che desidera ma ciò che è. L’attrazione avviene a livello vibrazionale. Siccome le paure interferiscono nella realizzazione dei miei progetti, dovrei sostituirle con la fiducia. Le paure non vanno contrastate, è bello danzare con esse, muoversi per liberarsene dopo averle riconosciute.

E’ la gioia che porta la cura, la gratitudine, l’accettazione, il potere illimitato della immaginazione. Tutto ciò fa cambiare le cose e favorisce la guarigione spirituale. Ognuno di noi dovrebbe fare della propria vita un’opera d’arte, dandogli un senso, adempiendo al ‘compito’, assecondare il proprio talento e creatività. Così da assecondare la propria anima e farne sparire i disagi, i conflitti spirituali. La spiritualità contiene tutto: la parte animale e umana, il lavoro fatto con amore, il sesso fatto con amore. La spiritualità è anche creatività e condivisione.

Continua prossimamente….