Taller de amor

El amor es siempre la mejor solución para cualquier problema, por grande que éste sea. Mediante el amor este mundo deja de ser un campo de batalla para convertirse en un auténtico paraíso. Cuanto más amor somos capaces de dar, más amor somos capaces de recibir. Con este “Taller de amor”, usted aprenderá que el amor es siempre la respuesta más positiva, que es nuestra esencia íntima auque no siempre sepamos reconocerlo. En este libro, Raimon Samso le propone dar un paso importante; los siguientes se sucederán solos, sin ningún esfuerzo. Es el viaje de cada paso rescataremos una parte de nosotros mismos.
En el “Taller de amor” nos desharemos del ego, esa burda falsificación de lo que somos en realidad, para alcanzar la felicidad que siempre ha estado esperándonos, en lo más profundo de nuestro corazón.

Cleo commenta:

‘Taller de amor’ ovvero ‘Laboratorio d’amore’ è uno spazio del cuore e della mente, pronto alla trasformazione. Per liberarsi da forme  e modi di percepire il mondo che ci allontanano dalla nostra vera essenza.
‘Taller d’amor’ non si trova in Italia, è disponibile sono in lingua originale (spagnolo). Non è un best seller ma uno strumento prezioso, del quale vorrei passarvi una breve sintesi.
Personalmente considero  questo libro una bibbia tascabile.
L’autore è molto chiaro e diretto nel fornirci le chiavi per maturare una  consapevolezza che  ci permette di aprire  finestre su di noi e sul mondo, incoraggiando la nostra personale evoluzione.
Il punto di partenza per questo viaggio non solo interiore è l’osservazione. Raimon Samsò, scrittoredi grande stile e sensibilità, conosciuto personalmente durante le mie incursioni sentimentali a Barcellona, ci fa un quadro molto semplice di dove siamo e di dove potremmo arrivare, modificando i nostri schemi. Partiamo  da un stato di inquietudine atavico per arrivare più leggeri, verso una pace interiore mai sperimentata.
Secondo l’autore ci sono due possibilità, due sistemi di pensiero:  uno  muove e si concretizza nell’area del timore, della paura, l’altro scaturisce e si modella in uno spazio d’amore.  Il timore è semplicemente la negazione dell’amore. Di conseguenza se c’è l’uno, non può coesistere l’altro. Sono incompatibili. Il timore è l’espressione della tristezza, dell’ansia, del rancore, del dubbio, della depressione, della gelosia, invidia, dell’aggressività, delle fobie, dell’impazienza e della sfiducia. L’amore, al contrario è lo spazio che contiene la pazienza, la comprensione, la compassione, l’entusiasmo, la generosità, l’allegria, la fiducia, l’abbondanza.

I pensieri, come le parole, hanno il potere di paralizzare o di stimolare la nostra espansione, dipende dalla loro qualità,  da che materia sono intrisi. Se forgiati dalla paura e tutte le emozioni e sentimenti che la rappresentano  o da un atteggiamento amorevole, quindi fiducioso, di apertura alle belle possibilità.
Ripulirci dalle scorie mentali cambiando la forma e la sostanza dei nostri pensieri porta la  ‘guarigione’, stimola la pace col mondo.
Se giudichiamo gli eventi e vi resistiamo, siamo lontani dalla pace interiore. Se li accettiamo e accogliamo con amore anche quando non sembrano piacevoli, significa che stiamo cambiando la nostra percezione, e quindi la nostra realtà.  Prescindere dal pregiudizio e dal giudizio permette di vedere con chiarezza e entrare in un area di pace. La chiave di svolta sta quindi nel cambio di percezione. Un cambio positivo ci libera dalla sofferenza, perché sono i nostri  pensieri e giudizi la causa de nostri drammi. Più siamo in pace col mondo, più possibilità abbiamo di mantenere un benessere assoluto.
La nostra realtà è creata da ciò che pensiamo e anche i nostri sogni si realizzano attraverso il pensiero-desiderio-energia. Ciò che pensiamo è la causa che muove gli eventi della nostra vita. Il modo in cui reagiamo a questi è l’effetto, l’emozione che ne scaturisce. Dunque, la cosa importante da prendere in considerazione è osservare i nostri pensieri e il nostro modo di reagire agli eventi.  Perché  la qualità della nostra vita dipende principalmente da questo. Le nostre cellule rispondono agli impulsi del pensiero. Il nostro sistema ormonale le nutre di serotonina, dopamina, adrenalina a seconda di come ci poniamo nei loro confronti.
Se mi osservo  di fronte a una situazione e  non mi piace quello che provo, dirottando il pensiero che provoca il malessere (causa), ovvero, non nutrendolo, mi libero dalla emozione negativa (effetto) che lo ha provocato. Trasformiamo la nostra mente in mente ‘milagrosa’ che visualizza e crea i propri sogni. Immaginarli realizzati dà al subcosciente la sensazione di realtà e l’emozione che ne scaturisce attrae le esperienze desiderate. Come dice Samsò “una mente milagrosa piensa al revés: “Cuando seas feliz, conseguiràs lo que quieres”.